News



GSC Group a sostegno dell'associazione Leather Naturally.



05 Febbraio 2019

GSC Group appoggia l'associazione Leather Naturally che ha programmato una campagna mediatica dedicata alla diffusione dell'identità della pelle, informando ed educando nel miglior modo possibile produttori e consumatori di ogni settore, su quanto sia importante e vantaggioso scegliere un prodotto di qualità.
L'obiettivo è contrastare il messaggio errato per cui si pensa che i materiali sintetici siano l'alternativa ecologica alla lavorazione della pelle, dimenticandosi che per una Economia Circolare la lavorazione di un sottoprodotto limita notevolmente gli scarti. La modernità e l'evoluzione tecnologica permettono alle aziende del settore conciario di lottare a testa alta contro questa presunzione, esaltando le caratteristiche di versatilità che il prodotto in pelle riesce a dare: bellezza, sostenibilità e qualità...

“L’accostamento del termine “cruelty” alla produzione conciaria è inappropriato e ingiustificato, giacché nessun animale viene soppresso per produrre pelle ma solo carne per consumo umano. Le pelli grezze (materia prima delle concerie) sono uno scarto della macellazione a fini alimentari, che, se non recuperato come sottoprodotto dall’industria conciaria, intaserebbe le discariche, con ingenti costi ambientali. Pertanto, domanda e produzione di pelle non incidono sul numero di animali macellati, né l’eliminazione della pelle ridurrebbe i capi abbattuti, generando solo gravi problemi di smaltimento dei residui di macellazione. L’industria conciaria svolge invero un’attività di riciclo di un materiale altrimenti qualificabile come rifiuto; peraltro, è attenta anche al cd benessere animale per ragioni etiche ma anche economiche, giacché esso può tradursi in migliore qualità dei pellami.”

[UNIC , Il Sole 24 Ore]

Per maggiori informazioni sull'associazione Leather naturally visita il sito: www.leathernaturally.org